D   E   E   P       A   C   T   S

Outsider Art

Il termine “Outsider art” (o Art Brut, o Arte Irregolare) si riferisce a opere prodotte da artisti al di fuori del mondo dell’arte consolidata o al di fuori dei confini convenzionali della cultura ufficiale.

Un interesse strutturato verso l’OA inizia a manifestarsi a cavallo dei secoli XIX e XX allorquando vari psichiatri, dal portoghese Miguel Bombarda (1851-1910) al tedesco Hans Prinzhorn (1886-1933), cominciano a valorizzarla a fini terapeutici. È però il mondo dell’arte a tentarne un inquadramento specifico definendola prima (1945) “Art Brut” (“arte grezza”) con  il pittore francese Jean Dubuffet (1945) e poi “Outsider Art” con lo storico dell’arte inglese Roger Cardinal (1972).

Oltre al quotidiano lavoro di un arcipelago di associazioni che supportano il disagio psichico, possiamo considerare fra i riferimenti più importanti per l’OA l’Osservatorio Outsider Art di Palermo, l’Accademia di Belle Arti di Brera e il Comitato Nobel per i Disabili in Italia e la ”European Outsider Art Association” (EOA) in Europa (www.outsiderartassociation.eu).

DEEP ACTS utilizza l’Arteterapia come strumento/metodo fondamentale nel proprio intervento a favore di donne vittime di violenza potendo definire anch’esse “outsider” sia in termini sociali che di espressione artistica elaborata per superare i propri traumi.

Il progetto prevede specifiche attività di sensibilizzazione basate su tale componente che verranno gestite dal Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili fondato da Franca Rame e Dario Fo. Il Comitato già da vari anni organizza un Festival dell’Arte Irregolare, una mostra per valorizzare le competenze artistiche che non trovano spazio nei consueti canali espositivi, una formazione per riflettere sui processi di inclusione sociale e lavorativa attraverso l’arte e una festa per conoscerci e creare nuove opportunità di collaborazione.

— ◊ —

Bologna (I), Biblioteca Salaborsa.
03-05.10.2020

Nel 2020 la manifestazione che celebra gli artisti dalla creatività “differente” che non trovano spazio nei normali canali espositivi si è tenuto soprattutto online.

Un Festival atipico, come atipico è stato il 2020 ma non per questo meno intenso, alla scoperta dell’arte e della bellezza nascosta per far conoscere e diffondere le opere di coloro che a pieno diritto devono essere considerati artisti, artisti che esprimono la loro sensibilità in modo spontaneo, senza filtri concettuali, senza interessi per la fama o per il mercato. Il Festival ha ospitato al suo interno il Workshop e il Webinar DEEP ACTS.

— ◊ —

VI festival dell’Outsider Art

Torino (I)
01-03.10.2021

Verrà organizzato nell’arco di 3 giorni a Torino l’edizione 2021 del Festival in maniera funzionale alle finalità di sensibilizzazione di Deep Acts.

La VI edizione del Festival sarà dunque sulla “Outsider Art al femminile” con un focus particolare sulla produzione artistica delle vittime di violenza di genere.

— ◊ —

La Galleria d’Arte Irregolare è un progetto del Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili in collaborazione con i Dipartimenti di Salute Mentale delle Aziende Sanitarie, Associazioni, Atelier, Cooperative Sociali, Osservatorio Outsider Art ed artisti di diverse città italiane. La galleria serve per esporre e favorire la commercializzazione delle opere grafico pittoriche di artisti “Outsider”.

DEEP ACTS intende implementarla in termini di struttura e contenuti con opere d’arte elaborate da vittime di violenza di genere.

This post is also available in: English Español Português Deutsch